Home page                                                                                                                                  DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.

Per essere recensiti

ARCHIVIO RECENSIONI LP/CD



STEEL AGE - same (demo cd autoprodotto, 2013)

I romani STEEL AGE infoltiscono la nutrita schiera di epigoni della compianta era dell'heavy/epic metal di stretta osservanza eighties, e ancora una volta il dogma della "purezza" dell'"acciaio che fu" Ŕ ribadito senza esitazioni.

La distanza fra gli Steel Age e molti loro fratelli d'armi Ŕ segnata dalla maggiore disposizione della band a riflettere sulla scrittura dei brani; invece che inoltrarsi nei cunicoli bui di riffs ripetuti ad oltranza, nei tre pezzi di questo Demo il gruppo romano inietta dosi sapienti di misura e gusto melodico, scrivendo pezzi piuttosto catchy senza essere affatto immediati o scontati.

L'apporto di un cantante istrionico quanto basta come Gianluca Sbarbati (ex Ivory Moon) Ŕ fondamentale quando il brano richiede un maggiore bilanciamento fra l'interpretazione emotiva e la fruibilitÓ immediata (come nell'highlight del demo, il brano "Count Orlok", pezzo che non tutti saprebbero scrivere....).

Accennando alle incertezze esecutive di una band all'esordio,composta da elementi tecnicamente tutt'altro che virtuosi,il risultato mi sembra decisamente incoraggiante.Se il gruppo evitasse di citare come punti di riferimento del proprio stile gente del calibro di Queensryche, Mercyful Fate etc. farebbe un favore a sÚ stesso.

E' proprio la maggior sobrietÓ tecnica (per necessitÓ e non per scelta ....) rispetto a tali colossi che induce gli Steel Age a trovare quella che ritengo la loro arma migliore: la struttura compositiva scevra da eccessive sofisticazioni strumentali.

E' proprio la costruzione dosata, quasi "cinematografica" delle loro composizioni che li rende validi eredi di una tradizione metal d'alto lignaggio,in modo particolare l'oggettiva capacitÓ di alternare le parti strumentali con le melodie vocali che, al di lÓ del gusto soggettivo e della timbrica del cantante, stanno in piedi da sole.

Gli Steel Age hanno trovato un equilibrio fra la tentazione di scrivere degli "anthems" metal scontati e l'ambizione di produrre suggestioni epiche di largo respiro e di profonda emotivitÓ... per ora si trovano a metÓ strada, un posto che per molti Ŕ il pi¨ giusto e, forse, l'unico.



(STEFANO CODERONI)






DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.