Home page                                                                                                                                  DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.

Per essere recensiti

ARCHIVIO RECENSIONI LP/CD



SATANIKA -METAL POSSESSION (CD, IRON SHIELD RECORDS 2001)

Ci risiamo.

I Satanika hanno un ritmo produttivo più simile ad una pubblicazione settimanale che a un gruppo rock.

In poco più di due anni, sono già titolari di un full-lenght (stampato in CD e LP) e una scorta di demo/EP/raccolta di EPs/cassette etc. da riempirci un armadietto dei medicinali. Sì, perché pochi gruppi sanno procurare mal di testa come i Satanika e, visto il genere che suonano , questo va inteso come un complimento.

Negli ambienti del thrash più nostalgico degli anni 80 e solo di quelli, il quartetto romano capitanato dalla coppia storica Pervertor alla voce e Barren alla chitarra, è riuscito a bruciare le tappe e ad imporsi come uno degli acts più promettenti.

L'abbinamento visuale alla loro musica fatto di squarci iconografici della tradizione dei "cult movies" dell'horror o dello "psycho-thriller" più splatteroso è una scelta non originale ma azzeccatissima. Ma, pensandoci bene, niente e proprio niente dei Satanika è originale o innovativo, in quanto il gruppo ostenta la più orgogliosa appartenenza al fenomeno del metal più conservatore, e assolutamente "scettico" (per non dire di peggio...) nei confronti dei nuovi corsi stilistici del metal "moderno" in tutte le sue forme.

Questo "Metal Possession " è basato su cinque nuovissime composizioni inedite, più una decina di bonus tracks che rappresentano una sorta di "best of" degli esauritissimi primi EP prodotti dalla band; alcuni pezzi si avvalgono della collaborazione del tellurico Tormentor dei Desaster dietro i tamburi e del cantante degli storici thrashers inglesi Acid Reign Howard Smith.

Gustosa anche la cover dei Metalucifer "Heavy Metal Bulldozer" (titolino esplicativo, no?) con cui il gruppo romano ha partecipato ad un tributo ad essi dedicato.

Da notare, nel brano inedito "Nuclear Grave" la presenza della cantante ospite Lena, dei deathsters bielorussi Sol Mortem, ennesima "gentlewoman"dall'impostazione soffice soffice... un usignuolo dall'anima candida e dal fiato lieve....da condurre all'altare.

"Metal Possession", che si avvale di un bellissimo artwork, non aggiunge né toglie nulla a quanto già si sa dei Satanika: le riproposizioni di temi e impulsi sonici alla Kreator, Razor, Whiplash, Desaster, Massacre, Piledriver, Necrophagia et similia sono ancora tutti li, neanche troppo velati.

I Satanika rivendicano orgogliosamente le loro origini (che a dire il vero, affondano le radici nel black-thrash) e omaggiano spudoratamente i loro ispiratori ed idoli. Ma lo fanno particolarmente bene, e l'enfasi deragliante di alcuni riffs di Barren è da applausi a scena aperta.

Se vi perdete questo "Metal Possession" non vi preoccupate.... Sicuramente entro qualche settimana usciranno altri episodi... Tutti uguali, tutti belli.

Il concetto di "inflazione" non li sfiora affatto.

I Satanika, come gli eroi dei loro films preferiti, sono "seriali".




(STEFANO CODERONI)






DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.