Home page                                                                                                                                  DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.

Per essere recensiti
ARCHIVIO RECENSIONI LP/CD


POWERFUL- Welcome to the slaughterhouse (CD,My Graveyard Production,2007)

Il tentativo di distinguersi dalla massa e l'esigenza di trovare una definizione originale al proprio stile musicale, sono ,curiosamente,caratteristiche proprie delle frange piu' conservatrici in campo heavy metal,quelle piu' riottose a qualsiasi tipo di contaminazione di origine non controllata.

Gli italani Powerful scelgono come nome un aggettivo meravigliosamente Metal, senza "allacciarlo" ad altri sostantivi....un'idea semplice ma efficace,un'"uovo di colombo",insomma.......piu' sperticato invece il loro intuito creativo,sul piano dialettico: osano "varare" un nuovo "genere",denominandolo "Super metal",e il termine scelto,oltre lo stile musicale, mi fa tornare alla mente quanto gia' fatto dai romani Centurion,con il loro rabbioso "Hyper metal" di qualche anno fa....

I Powerful si riconnettono direttamente alla scuola del metal di matrice anni 80,vitaminizzato con dosi massicce del piu' aggressivo Thrash Mertal "old-school", ma si mantengono lontani dalle azzardate escursioni "simil-death" che avevano caratterizzato il secondo lavoro "Hyper Martyrium"" dei gia' citati Centurion, mantenendo l'equilibrio fra le due influenze principali,e in questo caso,esclusive....
Esaltato da una produzione eccellente, "Welcome to the slaughterhouse" e' un concentrato di potenza metallica ,un lavoro molto piu' attento all'impatto devastante dei riffs che alla struttura dei brani,non sempre esaltante.Il cantante Alexander Hate ha uno stile alquanto inusuale ,sempre sospeso fra diaframma e tonsille, che gli permette di passare con disinvoltura da tonalita' acutissime ad esplosioni di pura aggressivita' senza mai lambire pero' i confini del "growling"...Originale in simili contesti stilistici il secondo brano "Self destruction",caratterizzato da una scrittura della linea vocale fuori dagli schemi precostituiti......Il titolo del disco,unito a queste caratteristiche leggermente "schizoidi" della voce del cantante,potrebbero indurre il popolo-metal a scambiare questo Cd per un esempio inflazionato di "Extreme-metal con attitudine splatter-gore....niente di piu' sbagliato.
A mantenere la barra dritta nel percorso di un incorruttibile metal con influenze Thrash "pure", ci pensa un drumming rigoroso e potentissimo del batterista Paolo Campi,poco avvezzo a concessioni hyper-speed di certo brutal/death/black, e il solismo fluido del chitarrista Diego non ammette dubbi circa la matrice dello stile ....tutti i "defenders" di stretta osservanza siano allertati!
"Alternative life","Dream of a freedom day" e il manifesto d'intenti conclusivo "We play supermetal" faranno la gioia di tutti coloro che prediligono l'impatto crudo al pensiero sofisticato, il gioco pesante alla strategia loffia e ruffiana.
Ma non va dimenticato che dietro simili bordate di rabbia ordinaria,c'e' del metodo e del mestiere.
A volte la cattiveria paga.....


(STEFANO CODERONI)




DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.