Home page                                                                                                                                  DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.

Per essere recensiti
ARCHIVIO RECENSIONI LIBRI


TAGLI - IL CINEMA DI DARIO ARGENTO (Libro - (A cura di Domenico Monetti e Luca Pallanch) --- Centro di Sperimentazione di Cinematografia--- 2008

Pubblicato in occasione dell'evento speciale della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro dedicato nel 2008 a Dario Argento, "Tagli" offre una ulteriore opportunità al lettore-medio-comune-distratto di accostarsi al mondo del regista, questa volta raccontandolo (quasi) esclusivamente per immagini, rigorosamente in bianco e nero. "Tagli", al contrario di altri tomi dedicati recentemente ad Argento, non è opera ossessionata dalla nouvelle-vague di tanta recente critica "pentita" e/o revisionista, impegnata a cercare una prospettiva nuova e originale con cui rielaborare, in fondo, le vecchie tesi ma spiega con i fatti (non tutti, ma alcuni sono veramente significativi), come la "Materia-Argento" si sia "trasformata" nelle "penne" dei critici molto e di più del suo stesso cinema... L'incapacità, a volte latente e a volte evidente, di comprendere il gusto e l'emotività straniante del regista è ben rappresentata dalla molteplicità bizzarra delle recensioni "d'epoca" ai suoi film che vengono pubblicate, tutte insieme, nella parte finale di questo libro. Fra gli interventi dei curatori, mi sembra utile quello di Domenico Monetti, che si pone il problema della "nuova critica" senza immergersi più del necessario nel brodino a base di culturetta becera ostentata da tanti suoi colleghi.... La superfice della sua opinione non ha nulla di superficiale, una volta tanto.....

Probabilmente la maggior parte dei lettori saranno attirati dall'intervista allo stesso Dario Argento pubblicata nella parte iniziale di "Tagli", che in teoria dovrebbe far luce su alcune scelte dell'artista, ma che in pratica conferma e riassetta il carattere elusivo di un artista disorientante... anche in questo caso Argento spiega e nega in ugual misura.

Con buona pace degli invidiosi, è troppa la distanza tra i Grandi e quelli che ne parlano e scrivono. E troppa con quelli che vogliono spiegarli. Spiegarli a tutti i costi.

Tolto il colore del sangue dalle foto di scena del corredo iconografico del libro, "Tagli" sembra uno dei più innocui libri dedicati all'autore di "Suspiria".

E viene il sospetto che qualcuno abbia sbagliato qualcosa.

Ci dobbiamo spaventare anche per questo?



(STEFANO CODERONI)






DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.