Home page                                                                                                                                  DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.

Per essere recensiti

ARCHIVIO RECENSIONI LP/CD


ALLTHENIKO -We will fight! (CD,MY Graveyard Production 2007)

L'ideale legame che unisce la nuova generazione di "guerrieri del metallo" con l'antica tradizione e' sancita non soltanto dalla perseveranza dello stile,ma anche da alcuni particolari extra-musicali che hanno segnato il corso dell'epoca d'oro del metal ortodosso e tradizionale.......chi osserva attentamente molte copertine dei dischi di quell'epoca, si accorge come il tratto grafico fosse,nella maggior parte dei casi, grossolano,talvolta volgare,quasi sempre eccessivo e parodistico, molto affine a quello di certi fumetti di seconda categoria.
La nuova ondata di gruppi dediti alla "difesa della fede" del metal incontaminato e labels specializzate piu' attente a certi particolari "logistici", hanno inteso riprodurre anche quell'aspetto grafico di "contorno" ai dischi Metal storici a cui si fa riferimento, come ennesimo atto d'omaggio ad una tradizione che deve essere rispetata in modo rigoroso e integrale. ..

Il pupazzone che troneggia sulla copertina del CD "We will fight!" degli Alltheniko,disegnato da uno stesso elemento della band italiana, oltre che a scoraggiare un'eventuale acquisto,ci dice molto di piu' del significato piu' intimo dell'"approccio" al metal,e al suo modo d'intenderlo, che non innumerevoli dotti libri e libelli scritti sull'argomento, con immotivate e parziali analisi "sociologiche",vanamente tese a spiegare e riconoscere male e violenza invece di capire la palese funzione liberatoria e inoffensiva sul piano individuale di tanto heavy metal....
E' fuori discussioni che l'enfasi del coraggio,del potere,della potenza e dell'orgoglio, con tutto il corredo d'atteggiamenti "macho" e luoghi comuni assortiti di molto Metal sia da intendere "cum grano salis", ed intrpretare in modo volontariamente ironico e con il classico distacco filosofico........l'aspetto goliardico del metal apparentemente piu' bellicoso e sfrontato e' cosa risaputa da tutti coloro che solo una volta hanno REALMENTE avuto a che fare con i musicisti Metal........questo discorso andrebbe solo in parte esteso,invece, alla scena Black Metal,ma questo tema va affrontato in altre sedi....

Gli Alltheniko hanno pubblicato questo cd nel 2006 per l'etichetta Trinity Records di hong Kong,e recentemente l'italiana My graveyard Production lo ripropone,aggiungendo vi il bonus-video del brano "Wheels of fortune"

Dopo essersi ripresi dal "fascino" esercitato dal protagonista di cotanta copertina,ci si accorge che "We will fight" si lascia apprezzare sul piano musicale,quello che piu' conta..........lo stile degli Alltheniko e' riconducibile a quanto gia' fatto da Annhilator,Judas Priest,Exciter, e vari gruppi storici tedeschi ed americani a meta' strada fra Metal tradizionale e Speed e Thrash.....
Gli Alltheniko sono un trio, con un chitarrista in grado di svolgere un egregio lavoro di ritmica e solista, e un cantante-bassista dotato di una timbrica aggressiva e perversa, in grado di rendere ogni brano un pericoloso gioco al massacro per laringe e tonsille,in ordine sparso......l'effetto "Full-Metal" e' pero' assicurato,e nessuno puo' accusare gli Alltheniko di essersi risparmiati sul piano che meglio distingue il Metal da qualsiasi altro genere.......ovvero quello del coinvolgimento "fisico"....
Per alcuni "eccessi" in chiave ritmica,tematica e vocale,gli Alltheniko mi hanno ricordato qualcosa dei "vecchi" Piledriver, gruppo storico in tema di eccessiva ed ironica ultra-violenza ...non e' un caso che i due gruppi si conoscano personalmente....

Fra i brani una menzione merita "Alltheniko "WE will fight!", meno anthemica e auto-celebrativa di quanto si possa pensare,e molto piu' propensa allo stordimento fisico e al riff piu' serrato...."Sound of rust",canonicamente Metal ,"Coming soon" in grado di coniugare le strutture tipiche del metal e del Thrash,ma anche la piu' complessa e pseudo-epica "Sufferman" entrera' subito nella play-list di chi ha nel sangue simili sonorita' adagiate nella nostalgia,ma rilette e rigenerate da un'indomabile voglia di suonare e di "esserci", ora e sempre.......e' presente,in conclusione,anche la cover di "Ace of spades" dei Mothorhead, vero inno all'adrenalina, e pezzo "giusto" per spingere ancor piu' nella brace le tonsille del cantante.........

La staffetta fra nuova ondata e vecchia avanguardia del True Metal non e' solo un'ipotesi,in quanto molte "vecchie glorie" del metal internazionale stanno collaborando e suonando assieme a i nuovi adepti di un genere che non muore....i prossimi festivals sul suolo italico vedranno gli Alltheniko e altri gruppi italiani dividere il palco con i "colossi" Helstar,Manilla Road,Steel Assassin,Elixir....roba da far tremare i polsi.....
Certi confronti possono essere solo salutari....per ora, We will fight!" non e' un lavoro imprescindibile,ma i suoi autori fanno in tre cio' che altri fanno in cinque.
E forse meglio....

(STEFANO CODERONI)


DAMNA RECORDS & BOOKS e' un marchio registrato.Tutti i diritti sono riservati.Nessuna parte dei testi di DAMNA RECORDS & BOOKS puo' essere riprodotta o utilizzata in alcuna forma,o mediante mezzo elettronico,senza esplicita autorizzazione degli aventi diritto.